Casino zane venezia




casino zane venezia

Il progetto ha una duplice vocazione: far ritrovare alledificio lo spirito dellepoca e creare un luogo dedicato alla musica, arte che fu la sua vocazione originaria.
La costruzione del casino e della biblioteca si deve proprio a Marino, animato dalla volontà di gw2 bag slot conservare le collezioni dello zio, che peraltro si era impegnato ad arricchire.
Indice, nei pressi della, basilica dei Frari, tra il 1695 hip hop holdem e il 1697 fu costruito il casino Zane, affiancato al Palazzo.
L'interno decorato è attribuito allo stuccatore Abbondio Stazio e allo scultore Andrea Brustolon; si trova in particolare la sala poker table cloth india da ballo al piano terra sovrastata al piano superiore da una balaustra in legno che ne segue tutto il perimetro.Luca Carlevarijs e tale opera fu prontamente acquistata.Domenico lasciò i suoi beni, tra cui una collezione di quadri e di libri di valore, al nipote Marino Zane, il quale, per conservare ed arricchire l'eredità, decise di far edificare quello che poi è divenuto il Palazzetto Bru Zane.Tra le personalità che decorarono questo luogo, ricordiamo anche il quadraturista bolognese Ferdinando Fochi (si occupò di dipingere, con motivi trompe-loeil, alcune stanze e la tromba delle scale lartista ticinese specializzato in cornici di stucco Abondio Stazio e il suo allievo Andrea Pelli, Andrea Brustolon.To.30.m., Monday to Friday.The 16 rooms include a concert hall with a seating capacity of up to a hundred.Il palazzo principale oggi la Scuola Livio Sanudo e il palazzetto erano separati da un rigoglioso giardino alla francese.Marino Zane a pochi metri dalla residenza di famiglia, Palazzo Zane; questa casa dominicale fu ristrutturata.Mercurio e Diana" (terra " Anfitrite e Nettuno " (acqua " Giunone e Pan " (aria " Ercole e Giove" (fuoco).Antonio Gaspari come casino-biblioteca, col fine di realizzare un luogo intimo e raccolto distinto dai saloni di rappresentanza dellabitazione di famiglia; questo permise di assecondare le ultime volontà dello zio, cioè la conservazione e valorizzazione dei quadri e dei libri di famiglia.When restoration is complete, there will also be a soundproofed rehearsal studio.A separare i due edifici vi era un rigoglioso giardino alla francese.Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.Dopo la morte di Marino nel 1709 il figlio Vettor assunse la conduzione della famiglia e, attraverso lamministratore di casa Domenico Sartori, avviò un accordo per mettere mano nuovamente alla facciata del casino con lintento di uniformarla a quella della biblioteca; venne incaricato dellopera.La sistemazione dellinterno, riccamente decorato, è attribuita al celebre stuccatore Abbondio Stazio e alla bottegha dello scultore Andrea Brustolon.Successivamente, la proprietà passò ai marchesi.Dopo la morte di Vettor (1715 causa delle vicissitudini testamentarie, il Palazzetto non passò alla moglie.



Nel 2008 è stata istituita.
Gli affreschi sono stati, in tempi successivi, attribuiti.
Ruggero Rugolo, Massimo Favilla, Marco Zordan, Il palazzetto Bru Zane.


Sitemap